?

Log in

No account? Create an account

Previous Entry | Next Entry

ESATTAMENTE UN ANNO FA'.....

La mia twin sister miss_muffin71 e belda_bb erano in quel di Londra per la premiere di KOH durante la quale avrebbero avuto il primo contatto molto ravvicinato col Bloom.
E' un giorno che va assolutamente ricordato, con tanto di documentazione fotografica e reportage.
This is for you girls. *hugs you so tight*

Image Hosted by ImageShack.us


dal reportage inimitabile della nostra belda_bb:

"Ad un tratto: urla!
Passa una macchinona in giù ed era proprio quella del Ladro di Mutande che andava a fare un’intervista a Trl che era proprio lì sopra.
A me gira la testa.
Non posso pensare che ce l’ho lì a 15 metri di distanza che rilascia una delle sue lutrumose interviste con quel sorriso a denti pari e quelle narici da saga epica. Inizio ad iperventilare e già mi viene da piangere.
La Betta lasciamo stare in che condizioni è.
Ha i battiti cardiaci d’un ratto in un labirinto di plastica…cioè le sta per venire un infarto.
Ma l’onore di farsi consolare dall’addetta alla sicurezza ce l’ho avuto io. Dovevo proprio avere una faccia da schifo per suscitarle compassione…
La Betta invece ha suscitato la compassione del Signore delle Sberle in persona! Maledetta…se solo anche io fossi stata più bianca!!!
L’attesa adesso è da crisi isterica.
Ad un tratto…dal fondo della strada si vede passare una figura alta e vestita di scuro, che corre con le zampone lunghe ed un ghigno da Cacca di marmo quale è.
È lui.
A dispetto di tutto mi ritrovo a strillare come una ragazzina insieme a urlo-Betta, facendo preoccupare la tipa della sicurezza…
“Oh merdoso!” penso con trepidazione “E come non riconoscerlo nella sua infinita laidezza con quel suo dannatissimo modo di camminare?”
È il finimondo…
Le costole della Claudia iniziano a scricchiolare mentre siamo schiacciate dall’orda malefica dietro di noi; dal club delle Fiche Rotte iniziano a strillare d’essere tutte pregne d’Orlando (non sto scherzando) dato che hanno consumato la sera prima; voltandomi indietro noto che sono tutte più alte di mezzo metro rispetto a noi e non riesco a capire il perché…alla fine di tutto la Claudia mi spiegherà, in caso non mi fossi accorta, che erano tutte arrampicate su di noi, io però ormai non sentivo più nulla.
Sporgendomi e ripiegandomi a depliant sulla sbarra di ferro della transenna cerco di sporgermi quanto basta per vedere a che punto è Orlaido senza parare la visuale alla Claudia.
Urlando contro la Betta perché buttasse giù le mani (stava in posizione preghiera con la digitale stretta fra le zampe) intravedo finalmente il mogano scuro dei fluenti capelli d’Orlando, il suo profilo ridanciano mentre firma autografi a dritta e a manca tra tutta la gente che lo circonda…mi domandavo: ma che cazzo ci fa tutta quella gente attorno ad Orlaido? Perché non può fare la passerella solo lui e due persone che lo indirizzano verso la tifoseria sana? Perhcè tutto quel nugolo di maledetti che ti si parano davanti proprio mentre stai tentando di scattare una foto??
Perché una volta passato lui la gente sul red carpet s’è ridotta di due terzi…
Intanto Orlando faceva la spola fra le fans e gli intervistatori delle varie televisioni ed io notavo con estremo disappunto che passava molto più tempo davanti ai microfoni che non con noi e questo non mi sembrava assolutamente giusto.
Hanno tempo e modo d’incontrarlo quando vogliono, sono in cinquanta e tutti e cinquanta gli fannole stesse domande cretine, perché non poteva stare un po’ di più con noi? Era venuto prima apposta e c’era chi come noi e forse anche da più lontano, era venuto proprio per lui senza avere la possibilità di fare niente, come è capitato a noi per la maglia…questo, nonostante la bellissima esperienza che ringrazierò sempre d’aver vissuto, non mi è comunque andato giù!

Tornando al Laido, si stava avvicinando sempre più; mi sentivo come in coda per delle terrificanti montagne russe e lui era la mia vettura. Più s’appropinquava (ma si scrive con la “q” o con la “c”??) e più me la facevo sotto…avevo anche iniziato a scuotere la Sandra presa dalla pazzia mentre gridavo “Oddio è lì!…oddio è lì!…oddio è lui!!” e intanto, non so perché, volevo crepare immantinente.
Alla fine arriva anche da noi.
Sarà stato che lo fissavo con gli occhi a cuore senza muovere un muscolo, saranno state le maialissime dietro che m’avevano abbassata di 20 centimetri, ma io lo vedevo così alto e così bello…l’osservavo mentre avevo un dvd de “La maledizione della prima luna” infilato in un occhio, mentre prendeva le mani gelide della tremante Sandra, che lo guardava come se da un momento all’altro dovesse stramazzare al suolo, e la rassicurava con tono dolce e disgustosamente laido; non so cosa le abbia detto e non lo sa nemmeno la Sandra ma dubito che anche se fossimo state lucide l’avremmo compreso visto il coro di “Dammi il cinci!” che c’era dietro, ma la Betta si ricorda che gli guardava la bocca, con quei due incisivi lievemente a conigliolo, quella bocca peccaminosamente perfetta, i baffetti e la barba molto Will Turner e quella voce…aiutatemi a dire oddio quella voce…c’era da gettarsi di testa sul primo spigolo aguzzo e spaccarsi il cervello! Musica divina quella maledetta voce!!
Mi sono stupita tantissimo del fatto che visto di ciccia, anche se solo per una manciata di secondi, è ancora più mostruosamente bello e perfetto che in foto.
Come?
Non è possibile dite?
Cazzo si, gente…non so come ma è possibile! Sembrava di vedere il gemello rilassato e contento dell’Orlando Bloom delle foto, così spontaneo, così a ragazzo della porta accanto (evvai! Tutte nel mio condominioooo!!!) così vero!…diavolaccio…esiste sul serio quell’ammasso di meraviglie.
La Betta se lo osservava tutto, io non gli guardavo nulla in particolare eppure gli fissavo tutto.
Non sapevo che fare. Ad un certo punto ho rinunciato a sparargli il flash nel viso e mi son detta “No, ora me lo guardo tutto!” e sotto la pioggia di blocchetti che mi accecava ero lì con l’espressione più cogliona del mondo.
Per un attimo, solo per un attimo, i suoi occhi da Sidi si sono posati su di me, sanguinante per gli spigoli dei quaderni e ha corrugato per un secondo le sue merdosissime sopracciglia come dire “E questa?…che vuole?” perché non lo fotografavo, non urlavo, non avevo nessuno blocchetto, lo fissavo e basta sbavando.
La Betta accanto a me, completamente sotto shock e anche lei che non emetteva suono e non aveva nulla da farsi firmare, gli guardava le mani meravigliose che poco prima avevano stretto le sue…aveva tutti i segni del pennarello indelebile sulla mano destra, questo immane imbranato!
Ad un tratto, presa dallo spirito del maniaco, ho allungato timidamente la manina per sfiorare appena la sua.
Non ho avuto il coraggio di toccarlo, come invece stava facendo la Betta che gli aveva riavviluppato la mano fra i suoi tentacoli e stava cercando di portarsela a casa (e faceva anche parecchio bene, la Betta maiala!!), l’ho solo sfiorato…

E in quel momento ho sentito che sarei anche potuta morire.
Se qualche altro millimetro della mia pelle entrava in contatto con la sua sarei svenuta sicuramente.
Non sto esagerando. Ne ho la certezza!!
Calda…la sua mano era così calda e così schifosamente liscia che la sola sensazione mi ha completamente fritto il cervello! Per ulteriori dettagli dovete rivolgervi a quella gran culo di Sandruman, che sicuramente ve le descriverà alla King meglio di quanto possa fare io…
Ho ritirato la mano e l’ho fissato ad occhi spalancati mentre sorrideva alla folla assatanata dietro di noi.
“Cazzo! Esiste davvero!! Ce l’ho qui davanti!!”
Ho visto nel filmato che altre ragazze lo hanno abbracciato, baciato e chissà come si sono sentite felici e quante sensazioni hanno da raccontare!…ma se l’avessi fatto io sarei sicuramente morta.
Accanto all’Apoteosi Demoniaca che sorrideva ed uccideva ragazze su ragazze ad ogni scoperchiata di denti che faceva, c’era Aileen la sua assistente; quella santa donna ha notato una Giallognola che, in mezzo alla scena dantesca dell’Inferno nel cerchio delle lussuriose, cercava di chiamare il metro e ottanta di gnocchino…invece di strillare e di dargli una smitragliata di cazzotti nello stomachino, Gialla allunga la manona e con due dita, pollice ed indice, aggancia timidamente pochi millimetri di stoffa della fortunata giacca che gli drappeggia il corpo e tira piano piano una volta sola, sussurrando “Orlando?” come se fossero stati da soli in una biblioteca!
Nell’altra mano la ragazza gialla dalla statura medio-bassa stringeva una canottiera gialla anch’essa; Aileen gliela piglia di mano e le fa “Vuoi che te la faccia firmare?” (vuoi che la punga?)
E la Claudia, in italiano “No! È per lui!” mentre lo puntava col ditone.
Io mi giro e vedo Aileen che afferra Orlaido per un braccio molto poco cerimoniosamente e penso con orrore “NO!! NON PORTARLO VIA! LA MAGLIA! DOBBIAMO DARGLI LA MAGLIAA!!”
Ma poi, dalle sante mani di Orlando vedo spuntare qualcosa di giallo.
Il Laido ha la maglia che gli ha dipinto la Clòd fra le sue zampine!!
La vede, spalanca gli occhioni meravigliosi e inizia a gridare
“OH MY GOD! IT’S GREAT!” con l’espressione più merdosa del mondo scuote la canottiera con uno di quei suoi tipici atteggiamenti da contenuti speciali del Signore degli Anelli, quando faceva il cretino “SIDII!!” grida ancora “IT’S WONDERFUL!!”
Questo cataclisma di bellezza mostruoso alza la testina, con gli occhioni grandi e scintillanti del gatto con gli stivali di Shrek2.
Mi esplode il muscolo cardiaco…quant’era che non gli vedevo, in nessun filmato o intervista, fare una faccia laida in quella maniera?? E perché poi…per la maglia che gli ha aerografato la piccola Giallissima!!
Sono una matassa di felicità! Grondo orgoglio da tutti i pori! Se non fossi così occupata a spolparmelo con gli occhi mi girerei in quello stesso istante e spaccherei in due la Claudia piangendo come un’isterica!
L’Orlando Merdoso guarda il viluppo di signorine ululanti e fa una faccia come dire “Chi, fra queste cose strillanti e sudate può aver operato siffatta meraviglia?” e inizia a dire
“Thank you! Thank you!!” con la sua voce maledettamente bella, la quale però non mi distrae dal fatto che sta ringraziando il Club delle Fiche Rotte invece della Claudia.
Orrore!!
“NO! NO!!” inizio a gesticolare strillando mentre indico la Claudia come una forsennata “SHE DID IT! SHE DID IT!!” con la Moon che, dall’altro lato della Claudia, faceva più o meno il mio stesso ragionamento smanacciando pure lei e strillando!
Ma vi pare che il piccolo Orlando se ne sia accorto??
Mai nella vita!
Alchè la solita Aileen lo agguanta per il solito braccino e lo fa amorevolmente girare verso la Claudia la quale, rimasta perfettamente immobile durante tutta la situazione, gli accenna un sorrisetto (nonostante un quadernone infilato in un occhio) e gli fa un timido “Ciao” con la manina mentre lui abbassa il capo due o tre volte per guardarla per bene attraverso gli artigli quadernuti del solito Club…ebbene, io l’avevo appena sfiorato sulla mano ma la Gialla addirittura non l’ha nemmeno toccato perché le dispiaceva così tanto che tutti lo brancicassero come un oggetto che non aveva avuto cuore di farlo, tanto le pareva poverino e a ragazzo normale che puoi trovare per la strada! (e via, tutte a seguire la Claudia per vedere che strada fa!)
Quello che la Claudia ha avuto tutto per lei e che penso porterà con sé come un bel ricordo è stato lo sguardo di Orlando; non sorrideva, era serio e ha guardato più volte, con espressione da scimmia curiosa, come per cercare di vedere per bene chi gli avesse fatto quel regalo (gradito, crediamo noi, almeno comparando la sua sporca reazione ad alcune altre occasioni in cui ha ricevuto un regalo!)
Su una cosa siamo state tutte d’accordo: siccome lo vediamo tutti i giorni feriali e due volte la domenica quindi siamo esperte, ci è parso molto più sereno e rilassato che in molti altri filmati visti fino ad adesso, nonostante fosse piuttosto magro, soprattutto in faccia!

Detto questo Aileen lo trascina in zona Moon, la quale ha il mio blocchetto per autografi in mano; Aileen gli indica la Monica, almeno credo, e non so se gli dice “Oh! Lei viene dall’Italia” oppure “Loro vengono dall’Italia” fatto sta che il Baliango, una volta preso il blocchetto e fatta la sua laida firma domanda
“Where are you from?” forse intendendo la città e la Monica, comprensibilmente disorientata, lo fissa per qualche secondo pensando “Ma…sta dicendo a me??”
Vedendo il filmato c’è questa qui con la felpa rossa, ripresa dall’alto, che lo fissa con occhi vuoti con un punto interrogativo gigante sulla testa che poi si riscuote e gli fa “Italy!”
E qui il mio disonore.
Quell’essere demoniaco, chi gli dà il permesso di parlare non lo so, alza la testina, la guarda e le fa “Ah Italy! Ciao bella!!”
Non so che è successo alla Monica (ma lo posso immaginare!) perché in quel momento sono scoppiata a piangere e, per arginare il danno, mi sono coperta la faccia con le mani, sennò se si girava ci facevo anche una ricca figura di merda!
Accanto a me la Betta pur frignando quanto me,cercava di consolarmi come pure la tizia della sicurezza, mentre la Monica saltellava contentissima dicendo “Avete sentito? Mi ha detto ciao bella!…Claudia ma perché piangono?…l’ha detto anche a loro?” e la Claudia “Sandra! Non pian…Erica!! Pure te?…dai, calmatevi!”
Per quanto mi riguarda non è che avevo perso il cervello, è stato che, dopo 12 ore di attesa logorante, dopo averlo sfiorato, dopo averlo visto felice per la maglietta questo se ne esce con l’italiano e mi ammazza! Che non l’avesse detta a me aveva scarsa rilevanza al momento, anzi ad aggravare il carico emotivo c’era anche la felicità per la Moon!
So bene che è l’unica cosa che quasi tutti gli stranieri sanno dire nella nostra lingua (anche perché se fosse uscito con “Magic mandolino!” gli avrei sputato addosso!) ma quando gliel’ho sentita dire mi s’è accesa una spia nel cervello e sullo schermo nero della mia mente è apparsa la scritta a caratteri cubitali “NON STAI SOGNANDO CICCIA, E L’È QUI SUL SERIO!” e in qualche modo s’era accorto del silenzioso quartetto dello stivale.
La consapevolezza di ciò mi ha tramutata in un ammasso singhiozzante e, gettato alle ortiche ogni briciolo di dignità, ho alzato il volto rigato di lacrime ed ho guardato mamma Sonia, che guarda te che culo era precisa davanti a me, scuotendo la testa come per dire “Ma un tu potevi andare aì cinema, quella sera invece d’impegnatti a fà ‘sto figliolo??”
D’altro canto lei mi ricambiava più o meno con lo stesso sguardo come pensando “Ma guà te che gente deve sopportare il mio bambino!”.



Photobucket - Video and Image Hosting


Photobucket - Video and Image Hosting


Photobucket - Video and Image Hosting


Photobucket - Video and Image Hosting


Photobucket - Video and Image Hosting


Photobucket - Video and Image Hosting


Photobucket - Video and Image Hosting



Comments

( 2 comments — Leave a comment )
miss_muffin71
May. 2nd, 2006 05:48 pm (UTC)
AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAWWWWWWWWWWWWWWWWWWWWWWWWWWWWWWWWWW!!!!*____________________*
Grazie Sister per questo nostalgic post!!*HUGS*
Un anno fà a quest'ora era eravamo al telefono in linea diretta Londra-Terni e tu raccoglievi tutti i miei sfoghi Orlandiani ricordi?! ...TI ADORO SWEETIE!!

Il banner è fantastico!*mwuah*
ladymarmalade77
May. 2nd, 2006 07:27 pm (UTC)
Non mi ci far pensare che sennò mi scende la lacrimuccia.... :'( CHE BEI MOMENTIIIIIIIIIIIIIII!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! ^_^''''''''

Lieta ti sia piaciuto, è il meglio che ho potuto fare con le mie scarse cognizioni di photoshop o_O *mwuah back*
( 2 comments — Leave a comment )