?

Log in

No account? Create an account

Previous Entry | Next Entry

IT'S VALENTINE DAY, YAY!

Here it is.
Tale about our (I, miss_muffin71 and belda_bb) encounter with Orlando at Venice Film Festival.

Image hosting by Photobucket


PLEASE DON'T POST OR USE PICTURES WITHOUT OUR PERMISSION. THANKS.

My reportage (please apologize my poor english):

MissMuffin, Belda and I arrived in Venice on late morning and after lunch we go right in front to Palazzo del Cinema and we spent here about 4 hours.
At 18,45 Robin (Orlando’s publicist), Aleen (Orlando manager), one blond guy and a londoner Orlando mate walked to the red carpet….Aleen stopped for a second, greeted and said ‘He’s coming’.
Ten minutes after Cameron Crowe, Susan Sarandon, Kirsten Dunst and Orlando arrived inside long black cars.
The crowd gone crazy screaming loudly. A hundred of photographers were ready to take tons of pictures.

Image hosting by Photobucket

Orlando posed for them with Cameron and Kristen, gave some interviews; after that he signed just some autographs, then he went inside.

Image hosting by Photobucket

We were frightened! But just a few minutes later he come back and signed a bunch of pictures, kissed some girls, taken pictures with them. He’so cute, lovely man!
He covered all the red carpet line and was always closer to us.

Image hosting by Photobucket

He is simply stunning, slender, with dark, brighter , intense and velvet eyes (Yes, I deeply LOVE his eyes!) and heartbreaking smile. Nothing to say about his deep and warm voice?

Image hosting by Photobucket

Image hosting by Photobucket

I was repeating some english phrases on my mind and he was in front of Belda and said ‘Some kids must have dropped his chewing-gum!’ shaking his shoulders and making a dork face. He signed her notebook and than it was my turn! I gave him a little present and e-town music video made by me and I said ‘This is for you’ and he said “Aww! Thank you!” and I ‘ve just agreed. I suppose my facial expression was totally silly, ‘cause he shaked my hand, he turned his eyes on me and he repeated “Thank you so much” and killed me dead….
It was MissMuffin turn…she shown him a pic taken during KOH London premiere which he was screaming for happiness ‘cause my two friends has given him a yellow hairbrushed shirt representing Sidi.

Photobucket - Video and Image Hosting

“Oh yeah! I remember it! This shirt! I love it! You know? I wear it all the time! All the time! I just love it, it’s amazing! I love it so much!” – he said with sparkling smile.

Image hosting by Photobucket

Robin was beside him and taken a look to the pic “You gave him in London, right?” – she asked and Orlando said “London when?”. He has forgotten! He asked to MissMuffin ‘You did that?” and Belda answered for her, ‘cause she don’t speak english. Then he designed a little heart on her pic saying ‘He’s my boy’ with a sweet and shy expression printed oh his face and he was driving us crazy. Before he’s gone I said ‘Please Orlando give her a special hug!” looking at MissMuffin and simply he did ! …and also he gave her his cheek. MissMuffin is tightened him bad, smelt his scent and grazed his soft , tanned and smooth skin.
You freaking whor…er…I mean...lucky girl!

Image hosting by Photobucket

Image hosting by Photobucket


And amazing belda_bb reportage (sorry, only in italian)

Quindi giungono le 18.
Mi alzo sulle tremanti gambe e mi asciugo la fronte.
“Erica, tutto bene?” chiede Sandruman.
“Si si…è solo che…da ora in avanti sarà una sofferenza!”
C’avete mai fatto caso?
Durante questi eventi è come essere ubriachi. La chimica del cervello ed i valori del sangue si modificano a tal punto da ricreare la situazione ambientale d’una sonora sbronza.
Non ti rendi conto di ciò che fai, di quello che dici (soprattutto io) e neppure di ciò che fa o dice lui; e dopo, quando ti vai a riguardare il dvd nella tua mente, ti sembra sempre invariabilmente che sia successo a qualcun altro e che quella non sia la tua memoria.
La cronologia degli eventi va a farsi benedire e più quella persona s’avvicina, più confuse diventano azioni e parole…è una cosa che odio, soprattutto perché quando vado a scrivere questi benedetti reportage faccio una fatica disumana a renderli coerenti!
Questa volta non avrebbe fatto eccezione, io già lo sapevo.
Volete che vi racconti dell’adrenalina che saliva ad ogni secondo, di come le gambe non mi tenessero man mano che s’avvicinavano le 19, di come io, la Klarissa e Betta ci nascondessimo ogni volta che passavano le telecamere o andiamo subito dalla Merda?
Eheheheheh…ho capito andiamo dal Caccaman!

Si capiva che Orlaido stava per giungere con la sua augusta persona dal numero di fotografi che s’assiepavano sui gradoni preposti a contenerli.
Tiè brutti bastardi! Altro che Cannes, il vostro posto è fuori dai coglioni!
Comunque iniziano a passare per altra via e sotto ai famosi metal detector coloro che avevano accesso alla proiezione, le guardie fanno spostare della gente per aprire le transenne ed arriva la prima macchina.
Eh si, così! Senza preliminari gente!
Scoppia un boato di urla isteriche ed io mi prendo il polso ( 128 battiti da ferma…) mentre alla Betta si drizzano i capezzoli; la Klarissa faceva la cronaca in diretta di chi c’era nelle vetture.
“Quello è Cameron Crowe! Nella prima macchina…e nella seconda c’è la Sarandon con i figli…È NELLA TERZA, È NELLA TERZA!!!” strilla senza nessun preambolo.
Io già pendevo senza vita sulla transenna.
“DOVE!!!” le fa eco Istery-Betta.
La Klarissa stende la manina e dice solo “Là!” ed una sagoma scura col codino appare nella terza macchina ed è lui!
Lo fisso con espressione ebete, sorda agli ululati della folla perché come al solito, quando appare, ci siamo solo io e lui.
Vagamente percepisco che qualcuno urla che c’è la Kirsten seduta accanto a lui e vestita di copriletto verde, ma in quel momento sono tutta io; la sua zozzosità, una volta che la macchina ci ha sorpassate, si volta come un bambino sul sedile di dietro e sorridendo nella sua maniera schifosissima ed altamente fuorilegge inizia a salutarci con la manina…più precisamente con le ditine (da stroncare) della manina destra, in quel modo così lutrumoso come solo lui sa fare.
Ha guardato anche dalla nostra parte e ci ha mosso le ditine…a quel punto sono già nel Walhalla, ferma come una statua di sale e con le lacrime che scorrono copiose giù dalle mie guance.
Mi sento artigliare “Erica le hai viste??” fa la Betta.
“Le ditine?” ringhio con rinnovata violenza.
“Si: che gli faresti?” domanda ancora, con gli occhi ridotti a fessure.
“Rotti subito tutti e cinque!!” sibilo fra i denti.
“Siiiii!” mi fa eco lei.
“Eccolo! Scende!” grida la Kla.
“Dove!” mi sporgo io.
“…Orlando!…” geme la Betta con le mutande fradicie.
Quel troiaio ambulante scende di macchina e saluta con le braccine, tutto sorrisi e luccichio di pupille; io non lo resisto e questo piglia e si mette a firmare autografi lì davanti a dov’era sceso.
Betta dice che ha trascinato con se anche la Kirsten ma che lei è fuggita poco dopo dai fotografi, forse perché nessuno la cacava o forse perché sentiva ondate omicide provenire dalle ragazze…era davvero vestita di copriletto…o di tenda della nonna, non so decidermi.
Io e le altre due eravamo in fibrillazione.
“Fa che venga qui, fa che venga qui!”
Ma il Ladro di cuori manda un bacio, gira i tacchi e sale le scaline per esporre la sua carcassa ai flash dei fotografi.
Urla di disperazione lo raggiungono da ogni parte…non può farlo!
Da dove sono io vedo solo il suo cranio, mentre il mio cuore inizia a perdere colpi.
La Betta non esiste già più e la Klarissa allinea i satelliti per colpirlo coi laser.
Lo vediamo fare un intervista, altre foto e mi sono già quasi rassegnata quando eccolo che torna indietro!!
“Evvivaaaa!!!” strillo.
Mi sporgo per cercare di vedere meglio, ma una maledetta stronza del cazzo inalbera un calendario grosso come un lenzuolo matrimoniale e lo agita con foga, coprendo la vista a chiunque dopo di lei.
“Lo butti giù!!” le grido; ma quella nulla. Seguita a strillare e ad agitarlo, come se Orlando avesse bosogno di vedere il suo calendario per ricordarsi di che faccia ha.
“LO BUTTI GIU’! CAZZO!” stavolta aggiungo anche “cazzo” per vedere se la parola le smuove qualcosa.
Nulla.
“Madonna #@*§!!” sibilo, allungo l’artiglio e le piazzo una manata paurosa dall’alto in basso sulla mano che regge il calendario che per poco non le cade di mano.
Peccato.
Si guarda attorno un po’ atterita e finalmente ritrae la mano; una soddisfazione veramente gustosa.
Poi mi rendo conto di cos’ho fatto: la bestemmia!!
Con le mani sulle guance, la bocca spalancata e le orbite vuote tipo il quadro de “L’urlo” di Munch, osservo Orlando che nuovamente gira sui tacchi e inizia a salire i gradini rossi come in slow-motion.
“NNNNOOOOOOOOOOOOOO!!!!” strillo come una folle.
In quel momento, forse perché coadiuvata dal “no” di altre 100 ragazze o forse perché avendo fatto canto e recitazione ho sviluppato la “canna della disperazione”, Orlui si volta, con quella sua camminata così non-lo-so-mi-mancano-gli-aggettivi e fa il segno della vittoria, con quelle due ditine che io vorrei tanto introdurmi in bocca e succhiare fino a spolparle!
“Non quello, ANIMALE!!” grido oramai impazzita “QUI! DEVI VENIRE QUI!!”
E quello schifo, quasi m’avesse capita, alza di nuovo la manina e fa il gesto universale per dire “dopo, più tardi” roteando quell’indice che oddio non mi ci fate pensare sennò mi tocca a vietarlo ai minorenni e poi fa il pollice in alto sorridendo mentre si porta, con due o tre falcate delle sue meravigliose zampacce, fuori dalla portata dei nostri urli…

…dentro…
…è andato dentro…


“HE’S MY BOY”

Guardo le altre: la vita abbandona il petto della Sandra e la Klarissa scuote la testa.
Mi guardo attorno e ci sono altre facce di ragazzine deluse, alcune proprio bambine, che iniziano a sgomberare.
Maledetto.
In un sim-sala-bim decido la mia vendetta. Mi recherò sotto al tabellone di E-Town, raccoglierò la pietra più grossa che riesco a sollevare e la lancerò con foga contro la faccia di Orlando! Ahahahahahahahahahahaah!…ehm…so che non era colpa sua, ma in quel momento mi pareva una bella cosa da fare.
Comunque, prima di mettere in atto il mio piano criminale, chiedo al ragazzo ricciuto se sapeva se riuscissero di lì e lui ovviamente ha detto di no, anche perché dopo dovevano passare Matt Damon e Heath Ledger.
Ma allora perché Orlando ci aveva fatto quel segno come a dire “Torno dopo, promesso”?
Mi pareva strano che lo avesse fatto tanto per fare, non credevo d’aver frainteso e mi sembrava ancora più strano che intendesse d’aspettarlo fino alla fine del film, non era da Laido.
C’era qualcosa che mi diceva di non andarmene ancora.
Mentre stavo tentando di decifrare il comportamente d’Orlando e la gente pian piano se ne andava, la Betta era in preda ad una crisi di “via col vento”.
“Dai andiamocene!” continuava a ripetere come se nulla fosse.
“Già” faceva la Klarissa “non credo proprio che riescano di qui…”
“Si ma allora perché ha fatto quel gesto?” insisto io.
“Mah non so…” mormora Klarissa.
“Dai andiamo a prendere il traghetto.” insisteva la Betta.
“Volete andare?” chiede la Klarissa, anche lei un po’ nel dubbio.
E la Betta “Non è che voglio…ma tanto non c’è nulla da fare…”
“Io lo so perché se n’è andato…” dico mesta.
“Perché?” mi fanno in coro.
“Perché per colpa di quella col calendario ho lanciato un bestemmione…”
La Sandra stringe gli occhi “Erica, cretina!”
“Ma non l’ho fatto apposta!” (agit, agit)
“Eh…allora via…a questo punto andiamo…” rinforza la Betta.
“Aspettate! E se poi dopo riesce?” chiedo con una strana sensazione.
“Ma fino alla fine del film non possiamo stare, l’ultimo traghetto ci parte alle 22.20, non facciamo a tempo a riprenderlo.”
“Ho capito Betta ma…non credo che intendesse farci aspettare fino alla fine della proiezione e poi se tanto non deve riuscire da qui…”
“E allora perché ha fatto capire che sarebbe tornato?” chiede Klarissa.
“Bò, ma che lo so…io andrei.” fa la Betta che, secondo me, non vedeva l’ora di andare a sciogliersi in lacrime in un angolino buio di Venezia.
Alchè esclamo “Effettivamente tutto indicherebbe che ormai non c’è nulla da fare e che sarebbe meglio correre a pigliare il traghetto, ma lui ha fatto quel gesto…” pausa pensosa “…allora: vogliamo dare retta al buonsenso o vogliamo dare retta alla Merda?”
Loro due si guardano, poi guardano me, seriamente valutando la cosa; si poteva andare via dopo tutta la strada che avevamo fatto ed in più palesemente ignorando una promessa di sua Viscosità?
Io ne ero sicura: no, non si poteva. Non sapevo come né perché ma non si poteva; e mentre ardevano nei miei occhi le fiamme della fiducia in Orlaido e stringevo il pugno convinta avanti a me sento delle urla isteriche e tutt’e tre ci voltiamo come un sol uomo.

La Merda, la Merda era tornata fuori!

Ridendo ed esclamando “Lo sapevo ma porca puttana lo sapevo!” tentavo d’estrarre il quaderno per l’autografo mentre Betta&Kla facevano lo stesso con le loro macchine fotografiche.
Costui aveva sbrigato le sue sporche faccende all’interno e poi era riuscito; ci aveva detto di aspettarlo, l’avevamo fatto e lui era tornato da noi!
Oh mio piccione viaggiatore! Come l’ho amato per quella cosa non lo si può capire.
È strano da descrivere ma stare lì ad aspettarlo perché l’aveva detto lui è stato bello…bè, non l’aveva detto proprio proprio solo a me, ma questo è un piccolissimo dettaglio che tralascerò volentieri nei miei futuri ricordi!
Insomma, me l’ha reso più reale ( ebbene si, ancora non ne sono del tutto convinta, ho bisogno di qualche altra prova carnale e cercherò di procurarmela alle prossime apparizioni…).
Ora dicevamo, questo immane balengo è sortito dal palazzo del cinema salutando con le braccine ed iniziando dal fondo s’è fatto (magari letteralmente) tutta e dico tutta la fila di gente, firmando autografi, baciando, abbracciando e facendosi foto assieme a tutti i fans che riusciva a raggiungere, anche se in terza, quarta fila!
La Betta dice che non è mai successo, almeno che lei sappia, che un attore abbia lasciato la sala a proiezione iniziata per tornare fuori a firmare autografi per i suoi fans, figuriamoci lui che è uno dei protagonisti.
Sono rimasta così piacevolmente sopresa che tremavo come un budino dalla testa ai piedi.
“Betta!” chiamo “A me un mi fanno mica bene tutti ‘sti sbalzi emotivi. Io ci resto secca!”
La Betta invece non stava più nelle saltallegro.
Rinuncio a sporgermi per cercare di vederlo ( e quindi rinuncio a menare labbrate a mano aperta sul calendario della tipa ) tanto era coperto dai fotografi e cerco di respirare senza iperventilare. Betta&Kla con scatoline, ciondoli e dvd da dargli parevano due vucumprà…
“Ha mandato via i fotografi hai visto? Li ha cacciati!” sento dire da dietro ed alzando lo sguardo infatti riesco a distinguerlo perché attorno a lui adesso ci sono solo due guardie del corpo e la Robin ( Batman era già dentro a vedere il film ).
Sorride, bacia, abbraccia e sorride ancora mentre io scivolo nel baratro dell’incoscienza alcoolica ed inizio a vedere le prospettive distorte; non capisco quasi più nulla, tranne il ricciolo accanto a me che grida “Orlando!” in falsetto per prenderci tutte per il culo…forse voleva la lingua di Cameron Crowe e c’è rimasto male ma non ha importanza. In quel momento ce n’ho anche per lui se viene con me dietro al cespuglio!!
La merda si sta avvicinando ed io perdo definitivamente i contatti con la realtà che mi circonda.
Non sento più le urla, il frastuono, non vedo più né flash né calendari svolazzanti.
Vedo solo lui. Un metro e quasi ottanta di levatemelo dalle mani!
Ad un tratto lo chiamo con grazia “TI MOVI!!” e lui alza la testa con quel sorriso vampiresco che a volte regala al mondo, guardando nella mia zona, così vicino a me che per un attimo ho temuto m’avesse sentita.
Devo dire meno male non ne ho incrociato direttamente lo sguardo perché già così sentivo la valvola mitralica inneggiare alla sommossa.
E quella barba di Giosafatte che fa? Alza lo sguardo su una bimba in braccio al padre che, tutta vergognosa, si nascondeva contro il suo collo, allunga la mano e le fa
“Hello!” dandole un buffetto sulla guancina piccina.
A quel punto mi volto verso Betta&Kla ed esclamo
“NO! IO NON LO SOSTENGO!” scotendo il capo incredula.
Mi sembrava una folle utopia l’averlo lì oramai a neanche 2 metri sulla destra…cosa gli avrei detto? Cosa avrei fatto? Cosa mai potevo intramenare per attirare un briciolo d’attenzione di quell’Ignominia Errante?
E così, nel vagliare rapidamente tutti i machiavellici piani affacciatisi nella mia mente, me ne sono rimasta beatamente zitta, senza fare neppure una foto, ad occhi ben spalancati che lo guardavo con attenzione per cogliere tutto il coglibile (il fatto che non mi ricordi quasi nulla è un altro paio di maniche…)
È bellissimo.
Aiutatemi a dire che è una meraviglia.
La Klarissa ha detto bene, che non si tratta solo della bellezza fisica e che è un qualcosa che ti sfugge a vederlo solo in foto…dal vivo, come ho già detto l’altra volta, è qualcosa d’insostenibile e stavolta che non avevo nemmeno il Club delle Fiche Rotte dietro ho potuto restare eretta sulla mia persona ad intridermi di lui!
Guardare Orlando è come gestire le risorse di Windows: non puoi fare più operazioni alla volta o vai in modalità provvisoria. A parte il fatto che, come ha rantolato la Betta poco dopo, dopo un po’ che lo guardi negli occhi (e lui ricambia…numi reggetemi!) devi distogliere lo sguardo, e non parliamo poi di quella maledettissima fessura per il paradiso: la bocca!
Mettersi a fissare quelle labbra vuol dire staccare un biglietto per la giostra delle ginocchia di burro! Ho chiesto alla Betta “Ma si fermerà un giorno? Perché se continua a diventare sempre più bello, prima o poi implode!!”
Non c’è verso gente! Più mi veniva vicino e meno ci credevo; scotevo la testa e mormoravo “No…no, no…io un ce la fò…io un ti reggo mica coso…ma chi te lo dà il permesso d’uscire bello in questa maniera…” ed ogni tanto gli facevo quel verso con la mano come quando si dice “Ma guarda questo!”…spero ardentemente non ci fossero telecamere puntate in quei momenti…

Tornando a noi o meglio a lui, ci siamo! È dalla tipa accanto a me.
La guardia del corpo ferma davanti a me controlla che non ce lo mangiamo …devo distrarmi “Buongiorno!” gli faccio con gli occhi da pazza…erano le 19.30, comunque…
“Buongiorno.” mi saluta un po’ preoccupato.
Ma la mia attenzione adesso è tutta sullo splendore della natura che ho perfettamente davanti…e lui che fa?
Dei del cielo, quando vi dico che va stroncato di mazzate!
Non mi va a pestare una gomma da masticare???
Quasi non ci credo, quando si ripega e tutto sbilenco comincia a fregare il piedone per terra modello toro in carica ed alza il faccino ridente mentre dice “Some kid must have dropped his chewing gum!”
“Betta levamelo dalle mani!!” grido io.
“Merda la batteria della digitale!!” strilla la Betta.
“Ce penzo io alle foto!” bercia la Klarissa.
Gli porgo timidamente il blocchetto che lui mi firma come assorbente interno…come sono lucenti i suoi capelli (occhi a cuore), che bella voce che ha (cuore che batte fuori dal petto), vi prego qualcuno me lo dia! (lacrime calde e copiose di disperazione)
Non so che dirgli, non so che dirgli…me ne sto zitta, prendo l’autografo e resto a fissarlo con tale intensità che potrei anche essere una folle assassina! Dio come mi piacerebbe vedere una mia foto in quel momento: una perfetta faccia da ebete irrecuperabile.
È che non ce la fò a toccarlo, lo brancicano tutti così senza pietà che mi fa troppa tenerezza; a Blob (il giorno dopo) ho visto che un po’ prima di noi l’avevano addirittura afferrato per la faccia modello “puccettone” di Fantozzi!!
Mentre sono lì che combatto con le due fazioni interne al mio cervello “Agguantalo!” e “No, poverino!” sento una voce suadente accanto al mio orecchio sinistro
“Mister Orlando Bloom!…” civetta questa qui, che non ho visto in faccia perché non potevo smettere di guardarlo, ma che doveva essere attempata. Secondo la Klarissa che le ha visto la mano, invece doveva essere giovane…questa è la prova di come i cervelli vadano a spasso quando la Merda è in libertà!
Laido alza la testina (e quanto è bellino quando fa questo semplice gesto) sorride a denti scoperti e dice “Hi! Nice to meet you!” stringendole la mano per poi seguitare a firmare autografi alla cieca.
Questa qui inizia a parlargli e mi pare pallidamente di ricordare, ma non ne sono sicura perché stavo contando i denti a Orlando, che gli abbia detto “Il mio nome è Annacaccole, ci siamo visti a bla bla bla bla e qualcos’altro…”
Così lui le dà un ultimo sguardo e un sorriso e fa “Oh yeah?” con gli occhini luccichini e passa oltre andando da TADAAAN la Klarissa.
Ricordo d’aver visto comparire nelle sue manine meravigliose il dvd ed il ciondolo che mi sembra pallidamente sia quello della Klarissa la quale nel porgerglielo gli fa “This is for you!” lui, zecca antropomorfa, li passa a Robin poi si volta e le dice “Thank you!” con quello sguardo a Sidi che io lo vorrei nudo su un vassoio di prugne e cosparso di succo di limone pronto per il forno. La Klarissa annuisce semplicemente ma a regola deve avere l’aria talmente tanto rimbombata che lui alluga la zampetta, le prende la mano e le ripete fissandola eloquentemente negli occhi “Thank you!”
“Si, ho capito!” gli fa la Klarissa annuendo; che le passava per la testa non lo so, ma Orlando le suscita queste reazioni strane!
Dopodichè passa alla Betta…ah che soddisfazione!
Avendo sentito la Kla prima di lei dire quella frase ed avendo visto che magicamente funzionava, l’AnalfaBetta decide di provare pure lei; gli porge finalmente evviva il Signore il ciondolo aerografato da Giallissima che è da Cannes che tentiamo di darlo a quel deficiente d’Orlando ed esclama “This is for you!” come se sapesse quello che sta dicendo.
Lui lo prende, sorride e io lo ammazzo e le dice “Thank you!”
Ma di cosa Thanki dico io! Ringrazia il cielo che non ti rompo tutto invece di ringraziare per il ciondolo, maledetto!
La Sandra, inoltre, aveva stampato su una cartaccia schifosa la fotografia del momento in cui, alla premiere di Londra di KoH, lui aveva visto la maglietta ululando e se l’era portata dietro decidendo coraggiosamente di fargliela vedere.
Così la estrae e gliela porge.
Colui all’inizio, la prende e la firma distrattamente ma la Betta non demorde; indicandola ed esprimendosi gutturalmente cerca di attirare la sua attenzione sull’immagine.
Il Balengo la guarda meglio e, spalancate le fauci, inizia a vociare
“Oh yeah! I remember it! This shirt! I love it!” la Robin si sporge e da un’occhiata all’immagine “You know? I wear it all the time! All the time! I just love it, it’s amazing! I love it so much!” non so che altro ha detto di preciso, so solo che continuava a ripetere che l’adorava sorridendo così tanto ed era bellissima la sua faccia perché lui parlava alla Betta (forse tratto in inganno dal di lei precedente exploit inglese), ma dopo qualche secondo s’è reso conto che lei non capiva una parola e lo fissava inebetita mentre accanto c’eravamo io e la Klarissa che annuivamo tutte concentrate con tanto d’occhiali da sapiente, barba di Gandalf e blocchetto degli appunti…ha fatto una faccia impagabile, perché non sapeva che eravamo tutte e tre assieme ed era un po’ confuso ed io lo amavo sempre di più!
Ad un tratto ha la pessima idea di chiedere alla Betta “You did that?” arricciando le labbruzze e puntandole contro il ditino indice per farsi capire. La Betta (che questa parte non se la ricorda assolutamente nonstante stesse parlando con lei) ormai aveva solo gli occhi montati sul collo tanto erano giganti e ad un tratto si gira disperata verso di noi per chiedere aiuto ed io che non mi faccio mai i cazzi miei, esclamo
“No!…HIS cousin!”
Come le parole lasciano le mie labbra mi rendo conto che qualcosa non andava.
Lui “Ah! HIS cousin!…” ripete cercando di non sfottermi mentre è di nuovo ingobbito sul foglio della Betta che scribacchia qualcosa tutto impegnato con la linguina da una parte.
Orrore…mi si gela il sangue nelle vene “NO!” strillo “HER cousin!” e sono già disperata.
Voglio dire, dio buono le uniche due parole che scambio con Orlando e ci faccio pure una figura di merda!! Questa va con “E l’è chiusaaaa!” detto a Sean Astin…
La Robin accanto a lui chiede, sempre alla Betta “You gave him in London, right?”
E noi “Si!”
E quell’imbecille d’Orlando, sempre affaccendato sul foglio, le fa distrattamente “London when?”
E, scusatemi, ma ancora io “A maggio!…” in italiano.
No, è meraviglioso: questo si ricorda della maglietta e non si ricorda quando è stato a Londra!
Come lo amo quando fa così!
Ma vi dirò di più: lo sapete perché s’era affaccendato così tanto sulla fotocopia? Aveva disegnato un cuoricione dove c’era la maglietta con Sidi, aveva reso il foglio alla Betta che ormai era solo spirito e, facendo spalluccia come per schernirsi, aveva detto semplicemente
“He’s my boy!” con degli occhi così dolci e un’aria talmente timida che io vi giuro il Signore ci sono quasi rimasta secca! Non so chi m’ha trattenuta dallo svenire perché m’ha fatto una tenerezza tale da provocarmi una spremuta d’endorfine…
La Klarissa allora, visto che Orlume era così disponibile e Laido, si traveste da Pappone e gli dice “Give her a special hug!” fermandolo proprio mentre stava per passare oltre.
Orlando va verso la Betta (che non penso sapesse veramente che succedeva, visto che l’inglese lo come sa l’aramaico) le dà un bacio sulla guancia e l’abbraccia.
E come se lo stringe la polipona! Ha proprio detto bene la Klarissa, Sandruman è una polipona!
Soffice come una pesca era la sua guancia, aveva le mani un po’ più fredde ma il corpo, bello solido e merdoso, era caldo; Orlando non aveva il profumo, sapeva solo di pulito e di buono, almeno a quanto dice quella Gran Culo della Sandra!
Si ricorda pallidamente d’averlo abbracciato per la vita mettendogli le mani all’altezza delle scapolone possenti mentre lui le cingeva le spalle e d’aver appoggiato la guancia sulla sua…e questo lo so per certo perché per ricordarselo per bene m’ha fatto fare la parte di Orlando!
Dopo che la Merda aveva sciolto l’abbraccio (e sciolto anche la Betta) questa si passa una mano tremante sulla fronte con gli occhi lucidi e bovini di chi ha la febbre a 40 e lui che fa?
Tanto per aiutarla mentre sta passando oltre, fa la faccia tutta contrita e dice “Oooh…” come quando si vede un tenero batuffolino di fusa.
Sono rimasta a guardare sorridendo tutta la scena, sono felice come una pazza per la Betta, ma quando lo vedo passare oltre mi si stringe stranamente il cuore; sollevo la mano ed apro la bocca come per dire qualcosa, ma che cavolo gli dico? Così la richiudo, appoggio la mano tremante di nuovo sulla transenna e sorrido.

Tags:

Comments

( 25 comments — Leave a comment )
miss_muffin71
Feb. 14th, 2006 08:14 pm (UTC)
Sociaaaaaaaaaa!!!!!!!!!!
Voglio tornare indietro nel tempo..... è stata un'esperienza unica, indimenticabile... dei tre incontri che ho avuto con lui questo è quello che mi ha lasciato un segno indelebile nel cuore e nell'anima... LO AMOOOOOOOO *__________________________________________________________*
bloominbabylon
Feb. 14th, 2006 11:44 pm (UTC)
La vostra icona è brillante! La amo!

I hope the translator I used worked...if not "Your icon is brilliant! I love it!"
ladymarmalade77
Feb. 15th, 2006 12:06 am (UTC)
Good job, hon!
Your italian is better than my english! *winks*
However thank you! Feel free to use it if you want.
bloominbabylon
Feb. 15th, 2006 12:10 am (UTC)
LMAO...its not me, I used this: http://babelfish.altavista.com/

I can? Great! Thank you! I'll credit you!

miss_muffin71
Feb. 15th, 2006 04:54 pm (UTC)
Thank you!!
I'm really flattered! :-D
As Ladymarmalade already said, you can use it as you please! *hugs & kisses*
bloominbabylon
Feb. 15th, 2006 10:37 pm (UTC)
Thank you!
ladymarmalade77
Feb. 15th, 2006 10:42 am (UTC)
Bwuahahahaha!!!!

Socia la tua icona è da impazzire!

Bwuahahahaha!!!!
miss_muffin71
Feb. 15th, 2006 04:56 pm (UTC)
Sono contenta che ti piaccia!!!:-DDDDDDDDD
bloominbabylon
Feb. 14th, 2006 11:42 pm (UTC)
What an amazing experience! Thanks for sharing it!

All of the pictures are wonderful, but I love the pictures with ink all over his neck (silly boy)! Pictures like those make him so human!!
ladymarmalade77
Feb. 14th, 2006 11:57 pm (UTC)
You're welcome! *hugs tight*
So true, he's such a childish boy sometimes. I could send you pics bigger and untagged if you would.
bloominbabylon
Feb. 15th, 2006 12:08 am (UTC)
I LOVE that he is so childish and dorky!

I would love the bigger pictures, but leave the tags on please. I like to know which ones are fan photos:-) They're more special!
ladymarmalade77
Feb. 15th, 2006 12:22 am (UTC)
Me too! *hugs him tight*
Awww...what a cute thought! I was right: you are a sweetheart! *hugs*
I send them to you right now.
bloominbabylon
Feb. 15th, 2006 12:40 am (UTC)
*hugs & kisses*

you're a sweetheart for sharing! thank you!
ladymarmalade77
Feb. 15th, 2006 10:45 am (UTC)
My pleasure. I love to share The Cutie. ;-P
*hugs & smocchies back*
andnolewen
Mar. 21st, 2006 09:01 pm (UTC)
Darling thank you so much for letting me see these!
He looked so stunning in Venice!

The pics are gorgeous.. .
And Robin remembered the London moment! that is good!!
and omg the shirt,he said he wears it all the time
Oh yes and his voice, his eyes!! *_______*

Ah reading this makes me be with you in Venice... Ah Venice.. and lucky miss muffin!!
*fangirls!!*

Sorry not coherent :P

Thanks sweetie. What a wonderful experience!!
ladymarmalade77
Mar. 22nd, 2006 11:44 am (UTC)
You're very very welcome, sweetie!
He was awesome in Venice! *dies*

We've been a unforgettable expericence, I can't believe yet about what he said to us...he was very self-confident and polite *loves him so much*

Awwww...glad you're involved in our craziness ^_^''''

As I said already MissMuffin is a bloody whor....er....Orlando hunter! :-P

No hon, thanks to you! *huge hug*
andnolewen
Mar. 22nd, 2006 08:14 pm (UTC)
Yes he is so polite and very aware of his fans!
Such a cutie!

Yes me totally Orlando wh...crazy too!
:P
andnolewen
Mar. 21st, 2006 09:10 pm (UTC)
I forgot to say YOU HAVE GREAT PICTURES!!!!

*loves*
ladymarmalade77
Mar. 22nd, 2006 11:46 am (UTC)
Thank you!!!
I would send them bigger and untagged if you would.

andnolewen
Mar. 22nd, 2006 08:13 pm (UTC)
Would love to!!
Thanks sweetie!
ladymarmalade77
Mar. 23rd, 2006 07:00 pm (UTC)
Its on its way ;-D
ewyn
Jul. 28th, 2006 09:23 pm (UTC)
Prima ho riso come una pazza, adesso ho i lucciconi. Lui è speciale. Non c'e' altro da dire.
Quel giorno a Venezia sara' sempre uno dei miei ricordi felici.

Un abbraccio grande.
ladymarmalade77
Jul. 29th, 2006 01:50 pm (UTC)
E' davvero una persona speciale, penso che se non lo constati con i tuoi occhi, non capisci a pieno a cosa ci si riferisca: ha una luce negli occhi così vivida e penetrante che incanta, non si riesce a staccargli gli occhi di dosso.
Quella giornata rimarrà per sempre nel mio cuore, un'esperienza indimenticabile.

Un abbraccio enorme anche a te. :)
sweetgirl26
Mar. 14th, 2008 05:58 pm (UTC)
after a long time...
it's hard to say which one was better, really, because both of them were very special! :D
and he remembered your friend t-shirt, that was like so adorable! :)
you made him an etown video? i'll ask you about it when i find you on msn xD
aww...this is so sweet :)
ladymarmalade77
Mar. 17th, 2008 06:34 pm (UTC)
Thank you for spending your time on reading about our craziness :D:D:D

Yeah I did, actually I made a few of them I enjoy myself a lot doing videos XD
( 25 comments — Leave a comment )